CONVEGNO dell'architettura

Napoli secondo Mantellassi 1926.
Vince l’alta sartorialità di puro taglio classico

Non poteva che essere la grande capitale campana a ospitare il consolidamento sul mercato nazionale -Centro e Sud - di Mantellassi 1926, storica azienda toscana estremamente dinamica, con team in grado di progettare e realizzare ogni singolo elemento di arredo in modo totalmente personalizzato, coniugando le idee della committenza con stili classici come Neo Baroque e Decor Glamour.

"A Napoli - spiega Nicola Mantellassi, 'patron' di quarta generazione - siamo sempre stati di casa, perché a Napoli si sceglie il bello, quello importante, quello protagonista; che ama l'ispirazione classica. E questo accade proprio perché il capoluogo partenopeo è l'espressione più concreta della coesistenza di stili, dove Barocco, Neogotico e Decor Glamour si avvicendano, si mescolano e si integrano sapientemente, come in un mosaico. Antichi palazzi nobiliari, ville liberty, viali eleganti, ma anche luoghi di studio, di lavoro, di ospitalità e spazi del futuro con costruzioni avveniristiche, dove il consumatore, culturalmente avanzato, ama inserire il suo arredamento 'in stile'...".

Un ritorno, quello a Napoli di Mantellassi 1926, voluto e studiato a tavolino in tutti i dettagli.

L'occasione è la presenza in Arkeda 2015, Mostra-Convegno dell'Architettura, dell'Edilizia, del Design & Arredo, in programma alla Mostra d'Oltremare da venerdì 27 a domenica 29 novembre.

Ad occuparsi del commerciale, il napoletano 'doc' Salvatore Casella, oggi funzionario Mantellassi 1926, che della sua città sa tutto o quasi. Ben ne conosce lo stile di gran classe e il lusso, dove a vincere è l'alta sartorialità.

mantellassi

"Un territorio, quello napoletano, - spiega Roberta Mantellassi, A.D. Mantellassi 1926 - molto attento all'estrema personalizzazione e al valore della manifattura con una ricerca puntuale da parte di architetti, interior designer e privati nei confronti anche del vintage e del modernariato. Un bacino, quindi, per noi ideale, dove tornare ad attestarci.
E proprio ad Arkeda 2016 Mantellassi 1926 anticiperà i suoi primi 90 anni, che nel corso del 2016 vedranno il restyling della casa madre di Pistoia: al piano terra dello storico stabilimento una sorta di riedizione dell'antica Piazza fiorentina di Santa Croce con piccole botteghe di stampo rinascimentale: ebanisti, conciatori, tappezzieri, intagliatori, decoratori, da vedere e vivere come in un palcoscenico al di qua delle quinte. Ampia l'area showroom, con quasi mille metri quadrati dedicati e due appartamenti completamente arredati, che amiamo chiamare le 'stanze di Mantellassi' ".

mantellassi

E non è un caso, forse, se nel contempo Mantellassi 1926 ha vinto il premio "Pistoia Verde 2015" assegnato dall'Accademia della Chionchina - presidente Giacomo Dominici - conferito da 39 anni a persone o aziende che hanno valorizzato la città di Pistoia nel mondo.
Ad Arkeda , Mantellassi 1926 si presenta con un concept espositivo che invita a informarsi e a condividere l'avvolgente mondo del suo made in Italy: su maxi schermo, il video con immagini suggestive della catena produttiva e del catalogo generale.

Fra i prodotti esposti, della nuova collezione Flair, Adone il divano componibile in pelle, dall'effetto sospeso caratterizzato da forme lineari e avvolgenti, il tv holder Lalique, i cui sportelli si arricchiscono di una lavorazione 3D di notevole caratura, le lampade Lolita, struttura in metallo cromato con pendenti in cristallo, e il tavolo da fumo Nuvola, piano in marmo breccia daino e imperador dark, base in legno massello "millerighe" e finitura foglia argento anticata.

Esempi di più ampie proposte di arredamento ricche di suggestioni artistiche, dal singolo pezzo al chiavi in mano, che vanno ad ampliare la ricchezza di progetti di 'arredo total look' per ambienti unici, destinati a durare nel tempo.

mantellassi

Questo è il grande 'saper fare italiano' di Mantellassi 1926: progetti che partono da un nucleo emotivo in equilibrio non necessariamente simmetrico e che si spingono verso percorsi di innovazione e reinterpretazione in chiave artistica di stili diversi, in cui l'artigianalità e l'attenzione alla tendenza dialogano per esprimere un'idea di design di alto livello.

Realizzazioni, tutte, che si articolano anche in una vasta linea di complementi di arredo ed accessori.
E che fanno innamorare anche... i cultori napoletani.

Martellassi 1926, ovvero un'industria che sintetizza tradizione e avanguardia, sapienza artigiana e glamour nel pieno rispetto della tradizione artigianale, per ambienti curati nei minimi dettagli, nella costante ricerca di nuove soluzioni polimateriche, in un valzer di messaggi con preziosi volumi 3D. Dalla camera al salotto, dallo studio allo spazio pranzo, dalla cucina fino alla sala da bagno, nulla è lasciato al caso, che si tratti di un'abitazione privata, di uno yacht, di uno spazio pubblico come di un hotel.

Attenzione scrupolosa, estrema cura del particolare e un'organizzazione precisa e flessibile hanno consentito negli anni di soddisfare una clientela internazionale esigente e prestigiosa.

Da Pistoia a Shangai, da Beijing a Lagos, da Almaty a Ashagabat, da Ryiadh a Istanbul, da Mosca a Dubai, da Doha a Taipei, da New York a Los Angeles a Miami, Mantellassi 1926, forte delle sue radici culturali, ha saputo affrontare le sfide della globalizzazione per divenire ambasciatrice del design italiano 'in stile' nel mondo.

Target: contractor, architetti, privati di tutto il mondo.

mantellassi